Blog - Articolo

apr 14, 2014

Storytelling Fenomenologia della Fine


...ci siamo, il solenne momento è arrivato: il nostro Contest di Storytelling entra nel vivo e si è fatto tempo di votare!

Sabato scorso è scoccata inesorabile la deadline per la consegna ultima dei vostri racconti ispirati alle foto esposte per '‪Fenomenologia della Fine', personale firmata da Nicola Bertellotti a cura di Civico29Lab: ora, fra tutte le storie arrivate, ecco le 13 che abbiamo selezionato.

Adesso che la rosa si è ristretta, cerchiamo dunque il nostro vincitore: c'è tempo fino al 30 Aprile per votare il vostro racconto preferito sul sito web de La Nazione Pisa.

A questo link tutti i racconti: La Nazione Pisa.

Di seguito potete leggerne gli incipit.

 

Buona lettura e...votate votate votate!

Categoria:Esposizioni Storytelling 
Postato da: enzo

Madeleine di Maria Isabella Zuccalà ispirato a 'Madeleine', fotografia di Nicola Bertellotti.

Quella chaise longue non guarda più il cielo.

È la prima cosa che penso entrando in questa stanza, ignoro lo scrittoio macchiato di smalto e fisso lei. Cammino vicino alla libreria vuota e sopra i libri sul pavimento, senza rispetto alcuno, infastidita soltanto dal passo incerto a cui mi costringono.

Continua a leggere: Madeleine di Maria Isabella Zuccalà


La stanza di Madeleine di Maura Bugliani ispirato a 'Madeleine', fotografia di Nicola Bertellotti.

La vita scorreva tranquilla in casa di Madeleine. Le giornate erano tutte diverse, e ciò che le rendeva tali era la fervida fantasia della ragazza, ogni giorno sollecitata dalle sue letture ricche di storie d’amore e di amicizia, di amori vissuti o mai confessati…

Continua a leggere: La stanza di Madeleine di Maura Bugliani


Madeleine di Marco Fogu ispirato a 'Madeleine', fotografia di Nicola Bertellotti.

Dopo i classici convenevoli, ovvero caffè, sigaretta, quattro chiacchiere sulla sera precedente e discutendo della progettazione del lavoro della giornata, mentre ci sedevamo per iniziare le attività, con il secondo caffè, uno solo non sarebbe stato sufficiente per essere al pieno delle potenzialità, si accorse che qualcosa in me non andava.

Continua a leggere: Madeleine di Marco Fogu


Anche il comandante ha abbandonato la nave di Giorgio Filippis

Forse esisteva un modo migliore di spendere il tempo che non di fronte a un aggeggio elettronico connesso ad altri aggeggi elettronici. Forse vi era un modo diretto per vivere stati emozionali piuttosto che fruirne sottoforma di sterili pacchetti preconfezionati da scaldare a microonde. Forse.

Continua a leggere: Anche il comandante ha abbandonato la nave di Giorgio Filippis


La più splendida realtà di Marisa Miniati ispirato a 'I was love', fotografia di Nicola Bertellotti.

Orvieto, venerdì 1 dicembre 2006

La Ford Fiesta grigio metallizzata era parcheggiata accanto al marciapiede lungo il viale alberato che costeggiava il cortile della scuola. Una leggera, fredda brezza sfiorava i rami dei pini, accompagnata dal suono della campanella e dal vociare allegro dei bambini mentre uscivano.

Continua a leggere: La più splendida realtà di Marisa Miniati


It was love di Costanza Colombo ispirato a 'I was Love', fotografia di Nicola Bertellotti.

Michail era a corto di giorni e d'inchiostro.
Oramai niente più d'un corpo accasciato in poltrona, mente e membra cascanti da un busto squassato da tosse ed espettorato. Non vi era altro che emettesse, non una parola, non un lamento.

Continua a leggere: It was love di Costanza Colombo


Attraverso due porte aperte di Sara Salomoni ispirato a 'Total White', fotografia di Nicola Bertellotti.

Erano arrivati in hotel da più di un’ora. Si erano seduti sul letto matrimoniale ed erano rimasti così, gamba contro gamba, per qualche minuto. Poi lei si era alzata, era andata in bagno, e lui aveva preso il cellulare, controllato le sue mail, fatto una telefonata alla quale nessuno aveva risposto.

Continua a leggere: Attraverso due porte aperte di Sara Salomoni


Amelia di Francesca Bertuccelli ispirato a 'The wind rises', fotografia di Nicola Bertellotti.

La mia vita galleggiava sopra l’indifferenza, tra circostanze mondane, commediante tra commedianti. Per la mia famiglia ero la squilibrata da accondiscendere. Per mio marito una giovane, ricca e viziata opportunità.
Mal sopportavano l’aggressione di quel liquido scuro che allagava i miei vasi, le mie vene, le mie arterie.

Continua a leggere: Amelia di Francesca Bertuccelli


Contatti impercettibili di Francesca Vannini ispirato a 'Madeleine', fotografia di Nicola Bertellotti.

Silenzio.
Tutto era impercettibile nella sua sensibilità.
Si ascoltava.
Si vedeva.
Ma non si guardava.
Ancora silenzio.

Continua a leggere: Contatti impercettibili di Francesca Vannini


It was love di Maria Cristina Impagnatiello ispirato a 'I was love', fotografia di Nicola Bertellotti.

Ti ho osservato allontanarti, fino a quando non sei diventata un puntino piccolissimo in fondo alla strada. Il mio riflesso appeso alla finestra si divideva in minuscoli frammenti, gocce di pioggia attaccate al vetro.
Le lacrime del cielo si univano all’acqua del lago, immensa oltre la finestra, oltre la strada, oltre noi.

Continua a leggere: It was love di Maria Cristina Impagnatiello


Carpe Diem di Rebecca Moggia ispirato a 'I was love', fotografia di Nicola Bertellotti.

È da più di vent'anni che Jan non esce di casa. Ogni giorno, finito il suo lavoro a casa, prende un libro dallo scaffale e si siede vicino alla finestra del suo studio, quella che dà sul lago. Legge il libro tutto in una volta e poi, fino a sera, sta con lo sguardo perso fuori dalla finestra.

Continua a leggere: Carpe Diem di Rebecca Moggia


Il racconto di Emiliano Dalle Piagge ispirato a 'Annihilation', fotografia di Nicola Bertellotti.

«Non ti agitare.»
«Non mi agito, voglio solo sapere se stiamo facendo un viaggio a vuoto.»
«Nessun viaggio a vuoto, non esistono viaggi a vuoto.»
«Questo lo dici tu.»

Continua a leggere: Emiliano Dalle Piagge


Magnificat di Elena Marchetti e Giovanni Pica ispirato al 'Magnificat', fotografia di Nicola Bertellotti.

Quel giorno, all’una e tre quarti, il solito uovo s’era disposto troppo ordinatamente nella vaschetta del pranzo: il tuorlo si era spostato esattamente al centro del bianco, e a Sebastiano era passata la fame. Come spinto da un presentimento incalzante, l’impiegato si era diretto in anticipo sul sentiero verso la chiesa.

Continua a leggere: Magnificat di Elena Marchetti e Giovanni Pica



Grazie a tutti!

comments powered by Disqus

 

Realizzato da Gianluca Savini, siti web responsive